Skip to content

Meeting with a rat

23 gennaio 2014

Diciamo che non sempre capita, quindi non e’ la normalita’ vedere un ratto. Ma bisogna anche dire che capita spesso, quando vivi a Gotham per un po’ di tempo.
Il fatto e’ che i ratti sono diffusissimi qui, e pare ci sia da anni in corso una DERATTIZZAZIONE… solo che devono averci fatto l’abitudine, perche’ ce ne sono ancora tanti! E, quel che e’ peggio, si “prendono in confidenza”.

Mi spiego: finche’ i ratti li vedi sulle rotaie della metropolitana, allora non e’ un gran problema. Suscitano spesso l’attenzione (con disgusto o ilarita’) da parte dei turisti, ma qui ormai non li caghiamo piu’ neanche. Se amano stare sui binari, che ci restino pure.

A me, per esempio, i binari attirano solo per eventualmente ripetere la scena di Matrix in cui Neo combatte con l’agente Smith, che mentre lo strangola sui binari della subway gli dice “Lo senti, Sig. Anderson? Questo e’ il suono dell’inevitabilita’”. Dopo di che il protagonista, appena detto “mi chiamo… mi chiamo Neo” e con il treno in arrivo, fa un salto contro il soffitto dove fa sbattere Smith che si stacca da lui, indi ricadono sui binari, e a quel punto Neo fa un salto mortale all’indietro e atterra sul bordo proprio ad un palmo di naso dal treno che passa. Ecco, quello lo farei volentieri… ma non ho tempo di provare.

Lo intravvedete il ratto sulla piattaforma? (immagine: dalla rete)

Lo intravvedete il ratto sulla piattaforma? (immagine: dalla rete)

Fatto sta che i ratti si sono un po’ allargati, e se ne vanno in giro un po’ dappertutto. Li trovate spesso che attraversano la strada, o qualche volta che gironzolano sulle piattaforme di attesa dei treni, oppure che gironzolano sui marciapiedi. Il denominatore comune? I sacchi e i bidoni della spazzatura. O meglio: LA spazzatura.

Un'immagine classica: ratto vicino a spazzatura... (immagine: dalla rete)

Un’immagine classica: ratto vicino a spazzatura… (immagine: dalla rete)

Non ho mai avuto gran disgusto per i roditori. Sara’ che veniamo dalla campagna, dove da piccoli io e Teo Canzi davamo la caccia ai topi. Dove inventavamo le trappole e questi ci cascavano, dopodiche li tiravamo fuori a mano. Dove gia’ alle elementari, con un mio compagno anche lui di quelli “I fucking loving science”, ci trovavamo “a giocare” ma facevamo esperimenti per produrre veleni per topi che magistralmente combinavamo con qualche scarto di cibo. E che ci crediate o meno, funzionavano pure! Sara’ che ci faccio pure ricerca, con topolini e ratti… ma questo e’ un altro discorso. Quelli li tengo puliti, fide! Se volete far ricerca con Paolo, cari miei, dovete lavarvi… volenti o nolenti (e questo lo sanno bene).

Ma lasciamo perdere la parentesi. Non sono stupido e non ho mai avuto intenzione di farmi mordere da un ratto. Finche’ loro stanno alle mie trappole, andiamo d’accordo. Ma qui devi stare attento!

In genere, quando vado per strada sono spesso attento. Non parlo di quando si attraversa… parlo di decine di altre situazioni, in cui il pericolo potrebbe venire da una stupidata. Ma l’altra mattina, esco di casa per andare al lavoro e stavo leggendo un libro (ecco: leggere i libri, quando mi prendono, mi distrae da alcuni punti della strada), quan’ecco il fatto…

passo solitamente vicino ai bidoni della spazzatura di diversi edifici, prima di arrivare alla stazione della metro. Con la coda dell’occhio vedo un tizio che lascia giu’ due sacchi nell’apposito spazio tra due edifici… e ad un certo punto quello pesta forte un piede per terra.

In una frazione di secondo, mentre leggevo, al di fuori del campo visivo oscurato dal libro un ratto delle dimensioni di un gatto medio mi corre tra le gambe. Non mi fa un tunnel, perche’ altrimenti l’avrei urtato e mi avrebbe morso… mi passa davanti di 2 cm.

Ma io dico: brutto stronzo, devi per forza far scappare un ratto nella mia direzione mentre sto leggendo? Fatti mordere che siamo piu’ contenti! Me la sono vista brutta, nel senso che il morso di un ratto e’ tra le cose piu’ luride che ti potrebbero capitare… la Leptospirosi esiste ancora, amici. E non e’ acqua di rose.

Immagine riarrangiata, dalla rete (fonte originale: lovethesepics.com)

Immagine riarrangiata, dalla rete (fonte originale: lovethesepics.com)

Fossi stato attento ok, non avrebbe avuto chance il ratto di attraversare incolume il mio raggio d’azione. Al massimo mi sarei sporcato di sangue la scarpa, ma proprio al massimo. Ma siccome non camminiamo tutti sempre con mille occhi sulla strada, a volte per una stupidata ti potresti rovinare per parecchi giorni.
Mah… che dire. Niente di che, era solo un episodio. Se venite a NY, e’ normale convivere con i ratti, tutto qui. Del resto, anche loro si comprano la maglietta “I ❤ NY”, non lo sapevate?

Stay tuned!!
PMJ

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: