Skip to content

#Two – “The Traveling Market”

21 ottobre 2013

A me piace chiamarlo “Mercato Itinerante”, perché ogni volta si tiene su una strada diversa. Il che e’ positivo, perche’ il traffico di New York fa già impazzire per conto suo. Se poi chiudessero sempre la stessa strada, probabilmente

ci sarebbe un’insurrezione di quartiere per cambiare le regole. E così, ogni volta il mercato si sposta. Tra l’altro, siccome alcune strade cittadine (di Manhattan) sono fatte a due corsie con in mezzo un divisorio, in genere chiudono solo uno dei rami per impedire un blocco completo della strada stessa.
image

Lo scorso week-end e’ toccato alla Broadway, dalla 96th street in direzione Downtown (cioe’ verso sud, verso la punta di Manhattan). Ma uno dei primi week-end in cui ero qui (parlo di 6 mesi fa) c’era stato sulla 6th Avenue Midtown, poi sulla Broadway dalla 96th street in direzione Uptown, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.
image

Dove sta il bello di questo mercato? Beh, nulla di particolare… tutti voi sarete stati ad un mercato, qualche volta. Quello che personalmente apprezzo, sia in Italia che qui, e’ la presenza di cibo… se anche non avessi fame, te la fa venire. E mentre in Italia me la viaggio con pollo allo spiedo e patatine fritte, anche se non disdegno alcune altre specialita’ della rosticceria (sia a base di formaggio che di carne o pesce), qui nella Grande Mela si viaggia con shish Kebab, pita gyros, hot dogs, okonomiyaki, noodles, frullati di frutta, e limonata a 1 $ !! Il che non e’ male, disseta veramente! Ma se avrete l’occasione, ditegli che la volete senza quel maledetto ghiaccio – che occupa solo spazio, e basta. Non mancano – e ci potete scommettere quanto volete – bancarelle che raccolgono fondi per qualcosa. Ieri ne ho trovata una per la costruzione di una scuola in Giappone (non conosco i dettagli), una con due ragazze della Columbia University discretamente avvenenti e che raccoglievano fondi per un’iniziativa pediatrica (che però mi hanno semplicemente guardato dimenticandosi di chiedermi i soldi, non so perché), e una specie di esibizione per Fukushima (sempre Giappone, vedi foto sopra).
image

Diverse settimane fa ci ho trovato anche un paio di covers per il cellulare e un nuovo paio di auricolari, alla modica cifra di 5 dollari cada-one. Non male, dai!
Stavolta ero anche super-fortunato di avere il mercato praticamente a contatto con la fermata di Subway che prendo abitualmente, la 96th sulla Linea 1. Non male! Tutto tempo guadagnato, alla fine.
image

E se passate di qui, venite pure a trovarmi, mi raccomando!!

Stay tuned!

PMJ

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: