Skip to content

Specializzandi in fuga…

4 maggio 2013

[…] Cresce il numero dei medici che decidono di emigrare per specializzarsi. Destinazione preferita l’Inghilterra, dove il compenso di uno specializzando è circa il doppio rispetto all’Italia e dove da anni si registra una carenza di medici. Ma non è solo una questione economica, come spiega a DoctorNews il presidente della Federspecializzandi Cristiano Alicino: «Le gratificazioni professionali in altri Paesi, sono molto superiori; il risultato è che spendiamo un sacco di soldi per preparare i medici e nel momento in cui potrebbero mettere le loro professionalità al servizio dei cittadini, scelgono di farlo in un altro sistema, che si trova medici già form ati, a costo zero». Del resto, in Italia il numero delle borse di specializzazione è stato tagliato quest’anno del 10%, a cui si aggiungono i ritardi nell’emissione del bando. «Quello che ci preoccupa – ha dichiarato Alicino – è la situazione di incertezza che si ripropone ogni anno; oltre al pesante taglio che ha ridotto le borse da 5.000 a 4.500, c’è la possibilità che un ulteriore slittamento dei tempi consenta la partecipazione al concorso anche a chi si laurea in luglio: ci sarebbe quindi un ulteriore aumento dei partecipanti a fronte di una riduzione dei posti disponibili». Secondo Alicino, la situazione è il frutto di una mancanza di programmazione: «visto che i laureati sono in aumento – spiega – ci dovrebbe essere un maggior numero di borse, tanto più che i bisogni espressi dalle Regioni sono di oltre 8500 nuovi specialisti e invece ci troviamo di fronte a una riduzione dei posti assolutamente ingiustificata&r aquo;. Paradossalmente, c’è anche una carenza di opportunità. «È dovuta al blocco del turnover – continua Alicino – e di fatto in Italia le assunzioni sono in gran parte bloccate. Per cui ci sono i medici che si specializzano e restano disoccupati o tornano a fare i lavori che potrebbero essere svolti da un neolaureato». Questo dovrebbe giustificare la diminuzione delle borse? Secondo il presidente di Federspecializzandi non è così: «in realtà servirebbero molti più specialisti di quelli che vengono formati e nel giro di pochi anni ci sarà una gravissima carenza. Le responsabilità politiche sono gravi».

Estratto da Doctor33.it

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: