Skip to content

Clinical challenge: solo crampi?

30 novembre 2011

Caso clinico

Donna di 82 anni, discreto livello di autonomia funzionale al domicilio, in grado di deambulare senza ausilio. Cognitivamente integra. In anamnesi: ipertensione arteriosa in buon controllo farmacologico, intolleranza glucidica sotto controllo con semplice dieta ipoglucidica, riferita storia di cardiopatia ischemica per cui è in terapia con Ticlopidina 250 mg x 2/die. Giunge all’osservazione per dolore di tipo crampiforme, che si è presentato una volta 4 mesi or sono in corrispondenza della pianta del piede destro. Il dolore, subacuto nell’esordio, rimane localizzato nella stessa zona ma aumenta di intensità e si accompagna a iperestesia (=ipersensibilità) della cute soprastante. Viene descritto della durata di qualche ora, poi a risoluzione spontanea (scarso beneficio dopo assunzione di Paracetamolo 500 mg per os). Lo stesso dolore, nella stessa sede, si presenta due settimane prima dell’attuale visita. Stesse caratteristiche, stesse modalità di risoluzione. L’ultimo episodio occorre il giorno precedente la valutazione medica, ma il dolore è stavolta localizzato anteriormente alla coscia destra. Parziale beneficio dopo assunzione di Paracetamolo per os; dopo qualche ora si affievolisce e scompare, lasciando una lieve ombra di ecchimosi.

Qual è la diagnosi? 

Quali gli accertamenti da suggerire?

Quale la terapia? 

                 CHALLENGE ACCEPTED?

9 commenti leave one →
  1. 30 novembre 2011 19:50

    …ekemminchia ne sò? carico e porto in ps… 🙂

    • 1 dicembre 2011 00:15

      Questo è comunque un buon punto di partenza!
      ciaooo
      PMJ

  2. laura permalink
    30 novembre 2011 23:25

    Ma…il dolore compare dopo che ha camminato o a riposo??

    • 1 dicembre 2011 00:16

      Il dolore compare indipendentemente dallo sforzo, in tutti e 3 i casi a riposo.

      • laura permalink
        1 dicembre 2011 16:58

        Un ecodoppler no??

  3. 2 dicembre 2011 01:18

    Ecodoppler fatto, negativo per stenosi emodinamicamente significative dei vasi arteriosi. Non segni clinici né doppler di TVP. Scatenate la vostra fantasia!

    • laura permalink
      2 dicembre 2011 01:29

      Carenza di calcio, potassio???

      • 2 dicembre 2011 10:20

        Calcio e potassio entro i limiti di norma. A domande più approfondite la signora riferisce di avere molto spesso dolori agli arti inferiori, ma di entità sopportabile, e che comunque tendono a peggiorare nelle ore notturne, una volta che si trova coricata. Riesce a dormire dalle 21 alla 1-2 di notte, indi si sveglia e non riesce a riposare bene per le ore successive a causa di queste modiche algie.

  4. laura permalink
    2 dicembre 2011 20:48

    Potrebbero essere causati da diabete…o dalla ticlopidina..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: