Skip to content

Captain America

29 luglio 2011
by

Ieri sera, con tutta l’acqua che è venuta, ci è sembrata un’occasione piuttosto azzeccata per vedere un bel film. Ovviamente la scelta poteva cadere su pochi titoli… e come ben sapete, da buon filo-americano (sicuramente in fatto di cinema, intendo), non potevo non premere per la visione di “Captain America: the First Avenger“.

Un bellissimo film, ve lo consiglio davvero! Ovviamente dipende da che genere preferite. I miei gusti sono facilmente identificabili: azione, avventura, sentimenti (e sentimentalismo), amicizia, un cattivo come si deve, e poi un lieto fine (leggi: sconfitta del cattivo, storia d’amore che va in porto, festa conclusiva). E questo film possedeva già in partenza tutti questi requisiti!

Non posso definirlo un capolavoro, ma sicuramente è molto ben fatto. Molto patriottico. Fantasioso (o fantascientifico, se preferite il termine). I personaggi sono proprio belli a vedersi (Red Skull è un idolo, in fondo!), e la storia è condita con tutto ciò a cui accennavo prima. Il finale è un po’ triste, purtroppo… quasi strappalacrime, per un tipo sensibile (!) come me. Non posso svelarvelo ovviamente, il mio consiglio resta quello di vederlo, di godervi lo spettacolo. L’azione è assicurata, le gag divertenti non mancano, gli ingredienti ci sono tutti.

Ci sarà un prosieguo? Come vogliono le abitudini della Marvel, ovviamente sì! A questo proposito, vi invito a rimanere in sala proprio fino alla fine, finchè non saranno terminati anche i titoli di coda (aspetterete magari 10-15 minuti in più,  ma ne vale la pena…). Ancora una volta, onore al mitico Stan Lee, anima della Marvel, che grazie a lui (molti e molti anni or sono…) passò da piccola compagnia editoriale a grossa impresa non solo editoriale, ma anche cinematografica.

Dopo averlo visto insieme alla Marti, Andre e la Cri – ed esserci parecchio divertiti, aggiungerei – possiamo capire come mai in USA ha sbancato i botteghini superando persino Harry Potter 7 – parte 2! Il bene della patria prima di tutto! E come si suol dire, anche l’apparenza conta molto (troppo?).

Una scena del film, con due dei protagonisti. Foto tratta dal sito cinemarcado.com.br

Che cosa insegna? Dal mio punto di vista, questi film insegnano sempre qualcosa! Non siete d’accordo con me? Ok, lo so, molti di voi non lo saranno… ma mi consola che tanti altri la pensano così. Vi bastino queste frasi, poi ciascuno impara ciò che comprende:

Steven Rogers: “Ci sono uomini che sacrificano le loro vite: non ho alcun diritto di fare meno di loro”.

Steven Rogers, riferito al motivo per cui è stato scelto per l’esperimento, nonostante fosse la recluta più debole: “Perchè io?”.

Dr. Erskine: “Perchè l’uomo debole conosce il valore della forza, il valore del potere. Il siero amplifica tutto ciò che hai dentro: cattivo diventa peggiore, buono diventa migliore“.

 Dr. Erskine, rivolto a Steve Rogers prima dell’esperimento: “Promettimi solo una cosa: qualunque cosa accada, rimani te stesso. Non un soldato perfetto… ma un uomo giusto”.

Mi fermo qui, altrimenti ce ne sarebbero molte altre!! A voi la scelta! Cosa diranno le altre recensioni? Che è noioso, che ci sono solo effetti speciali, che la solita americanata…etc etc. Per quanto mi riguarda, noi ci sentiamo alla prossima sincera ed ingenua recensione sul PMJ’s Post!!

I WANT YOU!

    PMJ

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: