Skip to content

There’s no secret ingredient

29 novembre 2010
by
 

Domenica sera…come vola il tempo. 

Stamattina alla S.Messa c’erano dei battesimi, per cui è durata dalle 11.30 alle 13.00. La mattina fa proprio  in fretta a passare. Ho potuto giusto scrivere qualcosina sul mio lavoro.

Questo pomeriggio ho fatto una seduta di allenamento con il mio collega: è appassionato di corsa, e siccome è uno sport bello ma che ultimamente ho praticato poco, ho deciso di aggiungerlo ai miei allenamenti. Giovedì, giorno del Thanksgiving, su una distanza di 5 miglia ho vinto io…la mia resistenza era maggiore. Forse complice anche il vento freddo, l’ho visto un pochino a disagio. Beh, di sicuro la partenza è stata piuttosto rapida. Sabato, cioè ieri, ho pensato bene di gettarmi in un’impresa che avevo in mente: ad un mese esatto dalla mia partenza, ho conquistato le 50 miglia del Ransom Canyon! Ci stava proprio una bella biciclettata. Come previsto, il vento è stato il mio principale avversario…e anche compagno di viaggio, in mezzo alla prateria semideserta. In alcuni punti ho fatto davvero fatica; in 3 punti rischiava di disarcionarmi, una volta il complice è stato un camion che passava nella corsia opposta, piuttosto velocemente. Mi aspettavo uno spostamento d’aria, le mani erano ben salde sul manubrio…però non so che specie di mulinello di è formato, fatto sta che lo spostamento d’aria mi ha fatto deviare la bici e sono finito nel prato adiacente; per fortuna non c’erano cunette o avvallamenti vari! Era quasi tutto inequivocabilmente in piano. Sono stati pochi i dislivelli superati: qualche cavalcavia o sottopassaggio mentre ancora attraversavo la città, qualche modesto saliscendi durante il tragitto, e infine la discesa e la risalita del Ransom Canyon (quella salita sì che l’ho sentita…).

Le strade sono proprio così...lunghissimi rettilinei dei quali non si vede la fine. Eppure il traguardo è là in fondo, da qualche parte! Il bello è anche il viaggio...

Così 80.5 km sono stati la distanza coperta ieri. Eppure stamattina le mie gambe erano proprio buone! Ovviamente, non mi sarei comunque tirato indietro dalla corsa di questo pomeriggio. Tra il fatto che potevo fare una corsa in compagnia, tra il codice d’onore del Bushido, non potevo certo tirarmi indietro. Oggi però ha vinto il mio collega: abbiamo fatto 5 miglia e mezzo, ma gli ultimi due giri di pista li ho sofferti particolarmente, ho dovuto rallentare…e così non ho tentato l’allungo finale. E’ arrivato prima lui di una 50ina di metri. Beh, la prossima volta vincerò io. Ho proprio un bravo collega; culturalmente è molto in gamba, ne sa quasi una più del diavolo. Bene così, perchè mi è di stimolo. E a correre, col fisico asciutto…devo dire che è proprio un osso duro. Ha le caratteristiche del mezzofondista…e anche questo sarà uno stimolo. Come diceva Dominic Toretto:

Non importa se vinci di un chilometro o di un centimetro.

L’importante è vincere.

                                             Dom

Quello sì che è un grande! Comunque sto scherzando, non è esattamente una frase condivisibile da tutti…però ci sono momenti in cui mi ispira. Come ispirerà molti di voi, credo. Non è nemmeno ciò che mi hanno insegnato i miei genitori…ma “mai arrendersi, mai tirarsi indietro”, quello è lecito. Il papà di un mio caro amico, le volte in cui alle superiori mangiavo a casa sua, aveva scritto su una lavagnetta di quelle bianche cancellabili, come appunto “perenne” per le giornate:

Umiltà, lealtà, sincerità.

Lottare: sempre!

Arrendersi: mai!

Un grande insegnamento. Basta vedere il numero di anni che sono passati; eppure ce l’ho ancora fisso nella mente. In realtà in tutti questi anni, con alti e bassi, successi ed insuccessi, polvere e altari, carezze e bastonate, ciò che mi ha spesso tirato su di morale (e che più volte è servito anche ad amici) è questa frase:

Ascolta: ti può capitare di perdere sia fermandoti che arrivando al traguardo.

E allora, non è forse meglio arrivare al traguardo? 

Non lo dimenticherò. Intero o a pezzi, cercherò sempre di arrivare al traguardo. E’ questo che mi ha insegnato mio padre.

Finalmente arrivato! Ma se anche non avessi potuto oltrepassare quel limite, sarei entrato lo stesso! Ricordate: alcune regole sono fatte per essere eluse...altre infrante!

Se ci arrendessimo, faremmo semplicemente il gioco di chi ci vuole abbattuti e sconfitti (e il mio elenco personale di questi soggetti è stato, e forse è ancora, piuttosto lungo). Qualunque cosa stiate affrontando, amici miei, non arrendetevi. Come potrebbero gli altri credere in noi se non siamo prima noi a credere in noi stessi? Eppure, visibile o nascosto, ci sarà sempre qualcuno che crede in noi, anche quando ci sentiamo meno di zero. Questa è un’innegabile verità. Perchè il nostro valore non cambia! Un po’ di tempo fa girava la storia della banconota da 50mila lire (decisamente un po’ di tempo fa…ma si può attualizzare senza problemi). Come quella banconota che vale 50, per quanto passi di mano in mano, o venga sciupata, o ci si scriva su la lista della spesa, o che finisca per terra calpestata…beh, varrà sempre 50 (euro o lire? Cosa preferite?)!!  

La morale di oggi? Mi piacerebbe lasciarvi con questa, (ri)ascoltata in questo fine settimana: in TV davano Kung-Fu Panda (ovviamente in lingua originale), e per quanto possiate odiare o amare questo film d’animazione, il bello è che offre un sacco di spunti. Avete presente quando lui aveva preso in mano e aperto la Pergamena sacra che gli avrebbe svelato il segreto per diventare il Leggendario Guerriero Dragone? Ebbene, Po (il Panda protagonista) la apre e…la trova bianca! Non c’era scritto nulla! E così, demoralizzato (sia lui che il maestro che gli altri guerrieri), non può completare il suo addestramento. Allora gli viene chiesto di stare in disparte dal combattimento finale, perchè senza il segreto non ne sarebbe stato all’altezza. E’ suo padre che lo accoglie, e decide che ormai è diventato adulto, può prendere in mano le redini del suo piccolo ristorante, e quindi può rivelargli l’ingrediente segreto per fare dei noodles (spaghetti cinesi) impeccabili. Ebbene:

There’s no secret ingredient! There’s no secret ingredient to greatness besides faith in yourself.

To be able to create something special, you have to believe you are special!

Il resto del film già lo sapete…ma lui riprende in mano la lucidissima pergamena bianca, e vede rispecchiarsi il suo viso. E il gioco è fatto!

Termino qui! Vi auguro buona settimana, ragazzi e ragazze! Per quel che può valere, amici miei, per me siete davvero unici! E ci si accorge della vostra unicità…ci si accorge ancora di più quando mancate (le migliaia di chilometri si sentono…)!!! 

See you, and don’t give up!

     PMJ

6 commenti leave one →
  1. federica permalink
    29 novembre 2010 11:05

    Certo k il posto dove sei è proprio bello….sembra tranquillo dalle foto 😉
    …forse un po’ troppox me…ihihih
    a presto!

    • 30 novembre 2010 04:49

      Fedeee!!
      Sì, il posto devo dire che è tranquillo.
      Mi piacciono i posti così. Mi piace vivere in posti tranquilli. Ma vivere dove viviamo noi è un’altra cosa! Appena hai voglia di vita, ce l’hai a pochi km!
      Qui ti devi fare decine di miglia, se sei sfortunato…
      ma qui in città le attrazioni necessarie ci sono tutte,
      quindi non mi lamento!
      Certo mi manca la mia Golf Turbo…con il cambio MANUALE…tra l’altro ha appena fatto il tagliando, e me l’hanno pure lucidata! Chissà che bella…
      Ci sentiamo!
      Stay tuned!
      PMJ

  2. ale permalink
    29 novembre 2010 16:56

    bella paolo…….vedo i tuoi allenamenti continuano…bene..io x ora sono a riposo forzato ke ho rotto il malleolo..ma appena mi riprendo ricomincero’ anke io…..

    • 30 novembre 2010 04:47

      Ciao Ale!!
      Sì, me l’hanno detto che sei infortunato…per quanto ne hai?
      Spero ti riprenda presto!
      Ci sentiamo!!
      Salutami tutti!
      Paolo M J

  3. ale permalink
    30 novembre 2010 14:51

    ancora 15 giorni poi credo un mesetto di fisioterapia…….ciao ciao

    • 30 novembre 2010 16:37

      Una lunga attesa,
      ma ne sei sempre uscito!
      Buona guarigione!
      Ci sentiamo!!
      ciao ciao
      Paolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: